MTB LONATO

Cerchiamo giovani e meno giovani, agonisti o futuri agonisti, escursionisti, amanti o simpatizzanti delle ruote grasse.Organizziamo escursioni di varie durate e difficoltà, su sentieri sconnessi o semplici ciclabili, in italia o all'estero

FRASE RUBATA....

Perchè niente ci può fermare e se ci capita di cadere siamo pronti a rialzarci e ad andare più veloci. "WE ARE RIDERS" perchè ci costa fatica toccare il cielo con un dito... ma questo è il nostro destino.

VIDEO



I put videos I create on Vimeo. You can see my profile.
(c) www.Speedtest-Italy.com | Speed Test

sabato 1 agosto 2020

BRUFFIONE



In questo periodo di caldo africano insopportabile dove si può andare a pedalare senza rischiare? Al GAVER naturalmente! Partiamo da Val Dorizzo con 17°C ( non male ) con una piacevole sensazione di fresco raggiungiamo il gaver su comodo bitume. Da qui giriamo a dx e su non comodissimo sterrato saliamo nel bosco per sbucare nella fantastica val Bruffione dove incontriamo, sparse nei prati accanto al ruscello, le prime famigliole in modalità PIC-NIC a godersi questa bella giornata, salutiamo e proseguiamo nella valle, la nostra prima meta è ancora lontana e se alziamo gli occhi la vediamo in lontananza che ci aspetta dai suoi 2183 m di altezza. 
Arrivati al bivacco, vediamo che non siamo i primi, ci fermiamo per una pausa e azzannare i primi panini! Dopo qualche parola con camminatori e colleghi biker ripartiamo per salire al passo Brealone, uno sguardo doveroso ai due laghetti dall'alto e poi via per M.ga Serolo , un po' prima di arrivare però ci divideremo, per questione di tempi alcuni scenderanno per la direttissima passando dalla malga altri sceglieranno il sent. 425 più wild per arrivare nuovamente all'inizio della val Bruffione, da qui un sentiero,credo il 413, divertente ma non banale ci riporterà a valle (alla casa del soldato) e dopo una gradevole rinfrescata nel torrente e riparato la gomma del Giovi possiamo andare a completare il giro con delle fresche birre!!

giovedì 30 luglio 2020

Zugna





Il 18 Luglio è toccato allo storico Monte Zugna testimone della grande guerra, un museo a cielo aperto. Con partenza nei pressi del casello autostradale di Rovereto sud abbiamo percorso il giro in senso antiorario cioè salendo da p.sso Buole e poi su verso la cima, passando da un sito ricco di resti di vecchi baraccamenti militari. La discesa è stata interrotta, dopo poco, per una doverosa pausa al rifugio Zugna dove abbiamo potuto reintegrare nuove energie per affrontare al meglio la discesa finale ( 115 )....a dirla tutta probabilmente si è esagerato un po' troppo con il reintegro tanto che a abbiamo avuto qualche difficoltà a risalire in sella!!
Questa bellissima giornata è da ricordare anche per il "battesimo" di Giovanni (Jonny) nonostante una caduta nel finale che però non è riuscita a rovinargli la giornata, anzi ha pagato un giro di birra a tutti per ringraziarci!!

Rif. N. Pernici





Il 3 Luglio un classico: Pernici + Saval, qualcuno partendo da Riva e altri, meno allenati, dal lago di Ledro. Raggiungere il rifugio è sempre una sofferenza ma appena ti servono i loro primi piatti tutto viene dimenticato! Il traverso verso bocca Saval aiuta la digestione prima di iniziare la lunga e impegnativa discesa a Ledro. I più forti aggiungono la "ciliegina" con la discesa della Trota !
Grande giro e grande compagnia!

Cima Tignalga




Il 13 giugno, in una bellissima giornata, Ester, la guida Gig Gianluca Cinghi e Klaus hanno raggiunto cima Tignalga partendo da Tignale e, salendo per la bella Valvestino, sono passati dai p.ssi Scarpapè e Puria. La discesa, abbastanza pepata, li ha riportati alla base con impresso nella mente i meravigliosi panorami ammirati da lassù !

POST LOCKDOWN

E' vero, è un po' che non vi aggiorno sulle nostre uscite in bike ma questa esperienza ha lasciato qualche segno....siamo comunque ancora in attività, da quando ci è stato concesso naturalmente, a volte in pochi intimi e altre....con altri intimi !....ma sempre ON BIKE!
Ora vi farò un rapido riassunto di dove siamo andati....

sabato 29 febbraio 2020

JUMANJI




Il giorno in più che questo anno ci ha regalato lo abbiamo trascorso in allegra compagnia sui divertentissimi trail della Franciacorta, e precisamente sulla collina alle spalle di Iseo da dove siamo partiti a pedalare. Dopo un veloce caffè in centro abbiamo iniziato a salire e con pendenze importanti su stradine secondarie per evitare la provinciale in direzione Polaveno. In località S. Teresa abbiamo preso la forestale 290 in falsopiano fin dopo l'allevamento di polli per poi continuare a salire fino in cima al colle dove si può ammirare un bellissimo panorama sul lago d'Iseo e da dove partono tre divertenti e adrenaliniche discese preparate dai local a cui facciamo i nostri più vivi ringraziamenti e complimenti !: oggi abbiamo provato lo JUMANJI, ricco di curve paraboliche e compressioni senza un attimo di respiro immerso in una fitta vegetazione che lo rende ancor più divertente! Arriviamo così in località Provezze ma siccome non ne abbiamo abbastanza ci dirigiamo verso Provaglio per salire sul santuario della Madonna del Corno e poi alla croce da dove inizia la nostra ultima discesa ( intervallata da una breve ma intensa salita) fino giù a Iseo.  
QUI ALTRE FOTO

domenica 23 febbraio 2020

Zenone + Dalvra





Sabato 22/2 la nostra guida Gig ci ha accompagnato sull'alto Garda per un girone nella zona Vesio/Tremosine: dal monte Zenone con super discesa dal p.sso Fobia alla Dalvra affacciata sulla Val Pura
QUI LE FOTO

lunedì 17 febbraio 2020

Corno della Paura




Non abbastanza sazi dei strapiombi sulle creste del Reamol ci siamo sparati sabato 15 un bel  Corno della paura, una postazione della Grande guerra sul monte Baldo da dove si può controllare quasi tutta la val d'Adige. Saliti da Ala Avio abbiamo raggiunto San Valentino e poi, con la soddisfazione di pedalare sulla soffice neve, si è raggiunta la vetta. Da li si può vedere la nostra discesa bella "pepata"  che scende a picco in valle fino al castello di Sabbionara !
QUI LE FOTO

lunedì 10 febbraio 2020

Creste del Reamol



Sabato 8 abbiamo ripercorso un "classico": il giro del p.sso Rocchetta partendo da Riva e passando dal lago di Ledro e Bocca dei Fortini, ma questa volta abbiamo aggiunto alcune varianti tipo l'arrivo al p.sso dai prati di Guil con la bella sfida, trai muscolari, sulla ripidissima salita che porta alla "cima Coppi" di oggi; come si è capito anche il nostro gruppo si avvalora anche di biker elettrici, un'innovazione che permette di condividere queste nostre esperienze con molti più ciclisti!
Arrivati al p.sso Rocchetta abbiamo seguito la traccia delle creste di Reamol, un sentiero esposto verso il lago per cui da percorrere con molta attenzione ma da dove si possono percorrere passaggi suggestivi e ammirare panorami mozzafiato! Arriviamo così a Punta Larici, un'altro punto panoramico che toglie il fiato, un balcone affacciato sul golfo di Riva; dopo mille foto risaliamo un pezzetto su forestale verso m.ga Palaer per successivamente imboccare il 422 ricco di radici e dropp per arrivare a Pregasina, il tempo di tirare il fiato e riposare un po' le braccia prima del gran finale sulla mitica "trota" che finisce sulla strada gardesana che pedaleremo nell'ultimo tratto per tornare a Riva.    GRANDE GIRO , GRANDE COMPAGNIA....GRANDI AMICI !

giovedì 6 febbraio 2020

Baldo e il ponte tibetano






Iniziamo il nuovo anno ( sabato 1/02 ) con un super e bellissimo giro sulla sponda orientale del lago di Garda. Nonostante il meteo non dei migliori partiamo da Garda, passando per la valle dei mulini, salendo a San Zeno di montagna, Sperane e poi fino su alla località due pozze del Monte Baldo. E poi giù per due bellissime discese fino ad arrivare al ponte tibetano vicino a Crero. Da qui un lungo tratto in saliscendi per tornare a Garda. 48km 1700m d+.